• 18 Giugno 2024 3:29

L’eroe è Kristensen e la Roma rimonta il Sassuolo

DiGiulia Sonnino

Dic 3, 2023
roma sassuolo kristensenFoto profilo ufficiale X AS Roma (@Official AS Roma)

Ci pensa Kristensen. La Roma batte in rimonta 2-1 il Sassuolo con il giocatore danese provvidenziale nel successo che permette ai giallorossi di tornare a vincere in trasferta dopo quasi due mesi di distanza – coppa europea compresa – dall’ultima volta. Il numero 43, subentrato all’intervallo al posto di Karsdorp, entra nelle due reti che regalano i 3 alla formazione di Mourinho, grazie a questo successo, bissano la vittoria di domenica scorsa contro l’Udinese e si portano a 24 in classifica.

Dopo una vigilia resa infuocata dalle parole dello Special One, difeso nel pre-partita da Tiago Pinto, sull’arbitro Marcenaro, il tecnico portoghese – che nel post-partita ha svolto una lezione magistrale di comunicazione protestando con un’intervista nella sua lingua – conferma la coppia d’attacco Dybala-Lukaku, lasciando fuori a sorpresa Pellegrini, a cui è stato preferito Bove.

Nel corso dei primi momenti della sfida il ritmo gara è abbastanza tranquillo, con un tentativo di Dybala dal limite dell’area che mette alla prova Consigli. La partita entra nel vivo al 25′ quando il Sassuolo si porta in vantaggio per 1-0 grazie a un tiro sbilenco di Berardi, corretto in rete da Matheus Henrique bravo a capire che la conclusione si sarebbe invece trasformata in un assist fortunoso. La Roma accusa un po’ il colpo, provando a reagire con una classica azione di Lukaku che dopo aver difeso la palla vicino all’area serve Dybala, bravo a girarsi immediatamente dal limite, costringendo Consigli a una straordinaria parata. All’intervallo è quindi 1-0 per il Sassuolo.

sassuolo roma 1-2 dybala
Dybala, glaciale dal dischetto, firma l’1-1 su rigore procurato da Kristensen (Foto profilo ufficiale X AS Roma (@Official AS Roma)

Negli spogliatoi lo staff tecnico prova a dare la scossa, con l’inserimento di Azmoun per Bove e Kristensen per Karsdorp. La pressione della squadra giallorossa aumenta con il passare dei minuti e già al 54′ Lukaku spreca un’ottima occasione per il pari, non riuscendo ad arrivare lucido con un tiro di destro di prima. Un paio di giri di orologio ed è Azmoun a liberarsi con un bel movimento, sbagliando però la conclusione, finita poi sul fondo. Poteva far meglio.

La svolta della partita è quella al minuto 63, con Boloca che si becca il rosso diretto per un fallo di Paredes. Inizialmente l’arbitro non estrae altro che un giallo, ma richiamato in pochi secondi dal Var la decisione cambia, lasciando i neroverdi sotto di un uomo. L’andamento si tinge ancora di più di tinte giallorosse, con la Roma che fa di tutto per trovare il pari, buttando anche Pellegrini ed El Shaarawy nella mischia, richiamando in panchina Mancini e Spinazzola.

Al 76’ l’altro momento decisivo del match: l’arbitro assegna un calcio di rigore per un fallo di Erlic su Kristensen. Dybala dal dischetto non sbaglia – Consigli la tocca, ma non basta – e pareggia, scatenando l’entusiasmo dei tifosi giallorossi. Talmente carichi nello spingere i giocatori alla vittoria che hanno costretto Mourinho a prendersi la scena con una corsa sotto al settore ospiti per calmare gli animi. Passano i minuti e nella testa della squadra e di chi è davanti alla tv la sensazione è quella di una Roma che può vincere la partita.

sassuolo roma 1-2 kristensen
Foto profilo ufficiale X AS Roma (@Official AS Roma)

E ad otto minuti dal noventesimo è Kristensen, ancora una volta, ad indossare il mantello da eroe, con un gol – condito da tanta fortuna per la deviazione di Tressoldi che beffa Consigli – che regala i tre punti finali. Non senza qualche brivido di troppo nei minuti conclusivi del match, dove Racic spara alto su un’incredibile leggerezza di Paredes. Dopo sette minuti di recupero si scatena la festa giallorossa, con Mourinho che abbraccia i suoi sotto la curva, celebrando tutti insieme l’ennesima rimonta della Roma, che resta con un biglietto in tasca sul treno che decide la corsa per la Champions League.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Cookie Policy