• 24 Aprile 2024 0:18

Acuto di Pellegrini e tre punti per la Roma: continua l’assalto alla Champions

DiGiulia Sonnino

Mar 17, 2024
roma sassuoloFoto profilo ufficiale X AS Roma

Sette vittorie in nove partite di campionato, qualificazione ai quarti di finale di Europa League e un bel calcio regalato ai tifosi. Continua a veleggiare a grande velocità la Roma di De Rossi, che chiude il suo primo ciclo fino alla sosta per le nazionali nel migliore dei modi, battendo – anche se con un po’ di fatica – per un 1-0 il Sassuolo. Un andamento di tutto rispetto per un allenatore quasi esordiente, capace di rivoltare come un calzino una squadra spenta e riportarla in alto in classifica, in piena corsa per un posto in Champions League.
Il tecnico giallorosso, dopo il pari in casa con la Fiorentina e il ko europeo indolore con il Brighton, si affida al solito modulo – ormai la difesa a tre è messa nel dimenticatoio ed usata soltanto nei finali di partita – ritrovando Lukaku dal primo minuto dopo il forfait per il problema all’anca e lanciando Aouar nel tridente titolare, con Spinazzola e Llorente in difesa insieme a Karsdorp e Mancini. In panchina si rivede anche Abraham dopo il lungo infortunio. In un primo tempo giocato su ritmi abbastanza blandi e privo di particolari emozioni, gli unici spunti degni di nota arrivano con Lukaku, che a inizio gara sfiora il palo di testa e a ridosso dell’intervallo prende il tempo a Ferrari sul cross di Pellegrini e, sempre con un’incornata, che finisce fuori di poco. Praticamente le uniche finalizzazioni verso la porta di un inoperoso Consigli (così come Svilar). Da segnalare il ko di Spinazzola, costretto a lasciare il campo per un problema al flessore: dentro Angeliño.
Al rientro dagli spogliatoi, dopo cinque minuti, la Roma riesce a sbloccarla grazie ad una perla del suo capitano. Pellegrini si accentra sul destro e lascia partire un gran tiro da fuori area che si insacca nell’angolino per l’1-0 giallorosso. Sei gol in tredici partite nella gestione DDR, un valore aggiunto ritrovato in pieno. La risposta del Sassuolo arriva al 68’ ad opera di Racic, che ci prova dalla distanza chiamando Svilar all’intervento. La sfida resta in bilico, i capitolini non danno la sensazione di voler accelerare per mettere il risultato al sicuro, ma al 73’ e al 75’ hanno con Lukaku e Baldanzi due chances per il raddoppio non andate a buon fine. Gli emiliani si salvano e poi all’80’ vanno ad un passo dal pareggio: Llorente rischia un clamoroso autogol deviando di punta un cross da destra, Svilar la tocca quasi inconsapevolmente con il tacco mandando la palla sul palo, con Viti che calcia altissimo sulla ribattuta. Un brivido scorre sulla schiena di tutti i presenti allo Stadio Olimpico, ma la Roma si salva. Nel finale non succede praticamente nulla e al triplice fischio resiste l’1-0, con l’esultanza di un pubblico che apprezza tanto gioco, intensità e impegno della squadra.
I giallorossi, dopo il pari al Franchi, tornano subito a vincere accorciando nuovamente a -3 sul quarto posto del Bologna. Ora, in queste due settimane di stop, ci sarà tempo di ricaricare le pile in vista di un ciclo di ferro, che inizierà con l’impegno a Lecce del lunedì di Pasquetta. Poi l’arduo percorso con il derby con la Lazio e la sfida di andata di coppa contro il Milan. Ma questa Roma sa come stupire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Cookie Policy