• 24 Aprile 2024 0:09

La Roma brilla e vola in testa al girone europeo. Ora il match point a Praga

DiRedazione

Ott 26, 2023
Foto di Danilo Obradovic su Unsplash

La Roma indossa il suo abito europeo e fa quello che tutti le chiedevano: vincere in scioltezza e prendersi la testa del girone di Europa League. I giallorossi, grazie ad un primo tempo di grande livello, superano per 2-0 lo Slavia Praga, mettendo subito la gara sui giusti binari con un gol di Bove dopo pochi secondi – il destro a giro da fuori area fa brillare gli occhi di Foti, in panchina al posto dello squalificato Mourinho – e trovando dopo 17 minuti il raddoppio con un bolide di sinistro di Lukaku, che mette ancora una volta il timbro in Europa. Il doppio colpo è quasi da ko per la squadra ceca, che non si fa quasi mai viva dalle parti di Svilar e che rischia anche in più occasioni di capitolare andando sotto di tre reti. La formazione di Mou, costretto a sostituire Bove all’intervallo mandando in campo Paredes, attacca senza sosta anche ad inizio secondo tempo, con un tris di occasioni svanite che non permettono di chiudere la gara: Lukaku sfiora il primo palo con una rasoiata dal limite, El Shaarawy (due assist) stampa un tiro dalla distanza sulla traversa e poi Cristante a tu per tu con il portiere tenta un difficile pallonetto, che non supera però l’avversario. Non riuscendo a concretizzare l’assalto la Roma si abbassa e lascia campo allo Slavia, che getta al vento un paio di chance per tentare una difficile rimonta. Alla fine Cristante e compagni cercano di addormentare la partita, ma la testa sembra già alla sfida di San Siro di domenica. Ma non arrivano sorprese.

Starai-Billboard

Il successo con i cechi regala ai giallorossi la quinta vittoria di fila e il primato europeo con 9 punti: nel prossimo impegno, proprio in trasferta a Praga (prima del derby con la Lazio), c’è la possibilità di raggiungere la matematica qualificazione da primi, rendendo praticamente delle amichevoli le ultime due sfide con Sheriff e Servette ed evitando le temibili squadre che scenderanno dalla Champions League per gli spareggi. Mourinho può sorridere per le buone risposte avute dall’impegno di Europa League, in particolare per l’intensità della manovra e della pressione alta, e farà di tutto per continuare la striscia positiva in casa dell’Inter, dove potrebbe riproporre la coppia El Shaarawy-Lukaku in attacco vista la risposta del campo. La nota negativa della serata in uno Stadio Olimpico ancora una volta stracolmo (qualche scaramuccia e lancio di oggetti nei pressi del settore ospiti) è la mancata presenza in panchina di Smalling, che come annunciato dallo Special One non si sta allenando a pieni giri con il resto dei compagni. Appare quindi difficile una sua presenza dal primo minuto a Milano: il problema tendineo lo tormenta da ormai due mesi. Saranno quindi molti gli assenti per domenica, ma la Roma vuole stupire e fare una sorpresa all’Inter di Inzaghi. Nonostante i nerazzurri avranno due giorni di riposo in più c’è la voglia di avvicinarsi alle alte zone della classifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy Cookie Policy